www.geoindagini.eu
Prova penetrometrica DPSH prelievo di campione Q4 prova dilatometrica

Prove DPSH

 

Le prove penetrometriche dinamiche continue, risultano molto funzionali nell’analisi dei terreni sabbiosi e ghiaiosi. I risultati sono correlabili a quelli ottenuti con le tradizionali prove SPT in foro a differenza delle quali forniscono un’ínformazione più dettagliata essendo la misura effettuata in continuo per tutta lunghezza della prova.

Realizziamo prove penetrometriche dinamiche super pesanti (DPSH) e la strumentazione fa riferimento alla procedura ISSMFE (1988) dove le caratteristiche principali sono: massa battente 63,5 Kg. - caduta 0,75 m. - angolo punta 60-90° - penetrazione standard 20 cm.

 

Prelievo di campione

 

Le indagini penetrometriche possono essere integrate con analisi di laboratorio su campioni di terreno indisturbati. 

Il penetrometro Tg 63-200 kN è allestito con un campionatore tipo Shelby a infissione o percussione (Φ 88.9 mm), che permette di prelevare campioni fino ad una profondità massima di 4-5 m dal piano di campagna.

 

Prove dilatometriche

 

La prova consiste nell’infiggere verticalmente nel terreno, mediante spinta statica, uno strumento di prova a lama, espandendo con del gas in pressione una membrana circolare situata su di un lato dello strumento e misurando le pressioni corrispondenti a due livelli di deformazione predeterminati della membrana.

Tali misure sono nello specifico:

Le letture (A e B) vengono poi elaborate in modo da ottenere i profili di: